Realizziamo su progetto strutture per capannoni industriali, capannoni agricoli, scale di sicurezza e antincendio, soppalchi e tettoie di qualsiasi dimensione e forma.
La Carpenfer dispone di personale e mezzi adeguati a garantire ogni tipo di saldatura e lavorazione interna alla propria officina e a tutte le fasi di installazione in cantiere o abitazione.

ecowin87

ECO NWIN 87 ALLUMINIO&LEGNO

Fornitura e messa in opera di Serramenti misti in alluminio-legno, con struttura portante costruita con estrusi in alluminio, lega EN AW 6060, secondo le nonne UNI 900611 con stato di fornitura T5 e tolleranze dimensionali e spessori secondo le nonne EN 1202012,nella parte esterna, e con masse/li in legno scorniciati nella parte interna.
L’interruzione del ponte tecnico sarà ottenuta attraverso l’interposizione tra l’estruso in alluminio il legno scomiciato di un profilo basso valore di conduzione tennica realizzato in poliammide caricato con fibra di vetro al 35% che, oltre ad essere un buon elemento isolatore, garantisce anche l’assorbimento della dilatazione dei profili di materiale
diverso. La distanza minima tra il profilo in legno e quello in alluminio non sarà mai inferiore a 11 mm sui telai fissi e mai inferiore a 15 mm sulle ante mobili.
Non ci sarà mai nessun contatto tra il profilo in legno ed il profilo in alluminio al fine di evitare fondazioni di condensa per trasporto a causa delle differenti temperature esistenti fra i diversi elementi. L’aggancio tra il profilo in alluminio ed il profilo isolatore in poliammide sarà di tipo meccanico a scatto senza l’utilizzo di colle e/o resine particolari.
La sede di fissaggio della ferramenta sarà contenuta nel profilo isolatore in poliammide in maniera tale da evitare la dispersione di calore. L’ancoraggio dei liste/li in legno al profilo in alluminio preassemblato con il profilo isolatore é assicurato da specifici tasselli “Biock-stop” in nylon che assicurano un ancoraggio meccanico a coda di rondine senza la presenza di viti che potrebbero danneggiare il profilo in legno e creare delle condense dovute alla presenza di materiali metallici. L’ancoraggio dei profili in legno avviene dopo la posa del vetro per evitare di installare profili fennavetro fissati con chiodi o altro materiale metallico. Dopo l’ancoraggio dei profili in legno il telaio fisso dovrà avere una profondità minima di mm 64 mentre l’anta mobile, per garantire una maggiore resistenza alla pressione dinamica del vento, avrà una profondità minima di mm 87.
Il tipo di tenuta sarà del tipo a giunto aperto e così costituita: guarnizione centrale, posizionata sui telai fissi, di tenuta tubo/are in EPDM con vulcanizzazione perossidica, la giunzione angolare di detta guarnizione è assicurata attraverso l’utilizzo di angoli vulcanizzati in EPDM stampati; guarnizione di battuta, inserita nell’apposita cava, sul profilo in legno dell’anta mobile, realizzata in materiale coestruso EPDM.

PR58

PR 58 ALLUMINIO

Serramenti costruiti con profilati estrusi in lega di alluminio 6060 (EN 573-3), con stato di fornitura T5 (EN 515) e tolleranze su dimensioni e spessori secondo UNI EN 12020.2 e/o UNI EN 755-9.
Il telaio fisso avrà una profondità di 50 mm e quello mobile di 58 mm così da assicurare una maggiore resistenza strutturale alla pressione del vento.
La tubolarità in cui sono contenute le squadrette di giunzione degli angoli, comprensivi di spessore delle pareti del profilato, sia per i telai fissi che per quelli mobili. L’aletta di sovrapposizione al muro nella parte interna non dovrà essere inferiore a 22 mm e dovrà avere una sede per l’alloggiamento della guarnizione di battuta.
ll sistema di tenuta all’aria sarà a giunto aperto, cioè con guarnizione centrale in E.P.D.M. montata sul telaio fisso ed appoggiante direttamente sull’apposito piano inclinato presente sul telaio mobile.
Galleria immagini:

export_602

EXPORT 60

Il sistema “export60″ viene utilizzato per la costruzione di porte e finestre con una ma volendo anche con più ante sempre ad apertura scorrevole.
I profili sono realizzati in lega di alluminio.
Galleria immagini:

sl50ok

SL 50 ALLUMINIO

Il sistema richiesto per la realizzazione di facciate continue verticali, facciate inclinate e costruzioni poligonali previste nel presente capitolato dovrà impiegare una tecnologia studiata specificatamente per tali realizzazioni. Il reticolo strutturale, composto da montanti e traversi in alluminio, da assemblare in opera, dovrà essere applicato dall’esterno e dovrà essere idoneo a ricevere pannellature cieche e vetrate come indicato alla voce tamponamenti. Il sistema dovrà consentire l’impiego all’esterno di pressori e copertine di SO mm di ingombro, sia in orizzontale che in verticale. La facciata dovrà garantire la tenuta all’aria ed all’acqua ed avvalersi del principio di “equalizzazione delle pressioni”, dovrà prevedere il drenaggio verso l’esterno di eventuali piccole infiltrazioni, attraverso gli appositi canali previsti nei profili; le stesse canalizzazioni dovranno inoltre avere anche funzione di aerazione per il perimetro del vetrocamera. Speciali profili aggiuntivi ad angolazione variabile, dovranno consentire anche la costruzione di strutture autoportanti poligonali.
L’interruzione del ponte termico dovrà essere ottenuta mediante un listello a bassa conducibilità interposto tra la parte interna portante ed il profilo esterno di fissaggio degli elementi di tamponamento (pressare).

Shadow2

SHADOW PERSIANA ORIENTALE IN ALLUMINIO

Persiana costruita con profilati estrusi in lega di alluminio 6060 (UNI 9006/1).Il telaio fisso dovrà avere profondità totale di 40-50 mm; mentre il telaio mobile delle finestre, per garantire una maggiore resistenza alla pressione dinamica del vento avrà una profondità di 47-57 mm.
La larghezza della parete tubolare di contenimento delle squadrette di giunzione sarà di 18 mm, compresi gli spessori delle pareti del profilato, per il telaio fisso e per quello mobile. L’aletta di sovrapposizione interna al muro sarà di 35 e/o 45 mm ed avrà la sede per la guarnizione.
Accessori e guarnizioni dovranno essere quelli studiati e realizzati per questa serie tipo di oscuramento, a lamelle orientabili da 61 a 71mm, lamelle fisse da 50×10 mm.

gold2

GOLD ALLUMINIO TAGLIO TERMICO

Serramenti costruiti con profilati estrusi in lega di alluminio 6060 (EN 573-3), con stato di fornitura T5 (EN 515) e tolleranze su dimensioni e spessori secondo UNI EN 12020.2 e/o UNI EN 755-9.
Il telaio fisso avrà una profondità di 50,2 mm e quello mobile di 58,2 mm così da assicurare una maggiore resistenza strutturale alle elevate pressioni del vento.
l profilati avranno caratteristiche di taglio termico, cioè vi sarà separazione tra parte esterna ed interna dei profilati stessi, al fine di contenere il passaggio di calore tra le due parti. Il taglio termico dovrà essere ottenuto mediante l’inserimento di listelli complanari in poliammide rinforzata con fibre di vetro, della profondità totale di 20 mm e spessore di 2 mm. Il bloccaggio delle barrette sarà meccanico, con rullatura dei dentini di ancoraggio dall’esterno previa loro zigrinatura per evitare scorrimenti.
Il valore della trasmittanza termica Uf nella configurazione standard non dovrà essere superiore a 2,8 W/m2K sia per la sezione laterale che per la sezione centrale.

SG50ARA

SG50

Il sistema SG50 utilizza come struttura di base la medesima griglia a montanti e traversi tipica per la costruzione della SL50.
Il fatto di poter installare gli elementi di tamponamento dall’esterno consente di rivestire costruzioni con parapetto in muratura o porzioni di parete completamente cieche.
La caratteristica estetica di maggior rilievo della SG50 è quella di non avere nessun elemento metallico in vista all’esterno della facciata od, in alternativa, di evitare il pressore su due lati del vetro.